¿Quién muere? O Lentamente muore

Pubblicato: 17 novembre 2014 in Senza categoria
Tag:

il nero

“Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine,

…………………………………………………………………………

Lentamente muore chi evita una passione,

………………………………………………………………………..

Lentamente muore chi non capovolge il tavolo,

chi è infelice sul lavoro,

chi non rischia la certezza per l’incertezza,

……………………………………………………….

Lentamente muore chi non viaggia,

chi non legge,

………………………………………………………

chi non trova grazia e pace in sè stesso.

………………………………………………………

Evitiamo la morte a piccole dosi,

ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di

gran lunga maggiore del semplice

fatto di respirare!

Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di

una splendida felicità”!

MARTHA MEDEIROS

Mentre vago alla ricerca della giusta cura per tirare su il mio malconcio umore, mi imbatto in diverse persone che come me hanno apprezzato questa poesia. Il nome dell’autore sotto però è sempre quello di Pablo Neruda.

Pare che nel 2008, anche in parlamento durante il voto di fiducia, che portò alla caduta del secondo governo Prodi, si siano dilettati nella lettura di questa poesia. Fu il senatore Clemente Mastella che si dilettò in questa lettura, concludendo che si trattava di una poesia di Pablo Neruda.

Lentamente muore  è una poesia della scrittrice Martha Medeiros pubblicata per la prima volta nel 2000 su un quotidiano in Brasile, ed è spessissimo attribuita ERRONEAMENTE al poeta cileno Pablo Neruda.

Perchè non cito la poesia nella sua totalità?

Ho un umore masochista che si nutre solo di certe situazioni,(esplicitate nelle frasi della poesia) per rimanere tranquillo e quieto sotto ad un treno.

Immaginatelo rannicchiato sotto a quel vagone… quei binari sono freddi e quei ciottoli spigolosi come diamanti ancora da raffinare… certo fanno parecchio male alle chiappe!

Ma lui ve l’ho detto, è uno spietato masochista e starà lì sotto fino a quando qualcosa di nuovo non lo turberà un paio di livelli sopra la soglia che ha raggiunto in questi ultimi giorni.

Ma si sa, ognuno ha la sua croce e io ho lui da sopportare.. devo tenerlo in vita, e posso farlo solo con cose che partono dallo zero a scendere! Lo chiamano il nero! O la chiamano la nera? Ma chi l’ha detto detto che il mio umore è maschio? E se fosse donna? Si comporterebbe allo stesso modo, ne sono convinta!

Ah, dimenticavo, qualcuno ha scritto anche che, gli amanti della poesia di Neruda dovrebbero capire che non si tratta di parole sue…..queste sono così new age!!!!! LO DICONO ALTRI NON IO!!!

Lentamente muore il nero/a!

Annunci
commenti
  1. wwayne ha detto:

    Rieccomi! Anch’io ho apprezzato molto la canzone che Morgan ha proposto a X – Factor. Concordo con chi dice che ha penalizzato gli Spritz for Five, perché era una canzone troppo lontana dalle loro corde e dai gusti del pubblico, ma quantomeno la scelta di Morgan è servita a farmi conoscere un brano che altrimenti con ogni probabilità non avrei mai scoperto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...